Restyling delle facciate: sgravi fiscali aggiuntivi nel Comune di Firenze

Data

Al via gli sgravi fiscali “locali” per i progetti di  riqualificazione energetica ed estetica degli edifici fiorentini. Il tam tam sulla carta stampata locale, si è oggi concretizzato nell’Avviso pubblico emesso dall’Assessorato alla Pianificazione del territorio di cui a seguito:
Avviso pubblico riqualificazione facciate

 Il Bando sperimentale in oggetto aggiunge agli sgravi fiscali nazionali un contributo ulteriore diretto ai cittadini virtuosi che vogliano riqualificare le facciate dei propri edifici all’insegna di criteri energetici espliciti e di aspetti estetici purtroppo ancora poco chiari.

 Alla detrazione fiscale del 65% prevista da normativa nazionale per l’efficentamento energetico degli edifici, si aggiunge così un ulteriore contributo consistente nell’annullamento della COSAP (Canone per l’occupazione del suolo pubblico) per 120gg.

Al privato e ai suoi professionisti di riferimento basterà presentare un progetto di riqualificazione con i seguenti elaborati tecnici, per ottenere una valutazione di eleggibilità del proprio progetto di ristrutturazione:

Elaborati richiesti:
– diagnosi energetica dello stato attuale;
– attestato di prestazione energetica dello stato post intervento;
– relazione tecnico-descrittiva dell’intervento.

Dal Bando traspare chiaramente che i criteri di valutazione del progetto risiedano nella valutazione energetica dell’edificio (e nello specifico del suo involucro). Sembra passare, però, in secondo piano l‘aspetto più innovativo del Progetto di Ricerca alla Base del Bando in oggetto.

La tematica formale, che ha invogliato l’amministrazione all’elaborazione di un bando specifico nella direzione di una riqualificazione outdoor del panorama edilizio fiorentino, sembra, infatti, solo citata.
Supportata dagli elaborati grafici pre e post intervento richiesti, non risulta, tuttavia, evidente la valutazione dell’aspetto estetico formale, facilmente percepibile da tutti (cittadini e tecnici), capace dell’adeguamento ad una immagine contemporanea della città e leva del rilancio economico del settore.

Nell’ambito del protocollo che ha dato il via alla ricerca citata “Restyling sostenibile delle facciate“, che vede coinvolti il Comune di Firenze, Università di Firenze (corso Magistrale di Disegno Industriale) oltre a numerosi Partner istituzionali e tecnologici (Partner della Ricerca e stato dell’arte), il team sta elaborando un allegato tecnico ad hoc con l’obiettivo di oggettivare i criteri estetico/formali evidentemente più difficili da incasellare rispetto alle misurazioni energetiche.
La classificazione tipologica del panorama urbano alla base della ricerca, potrà costituire le fondamenta per la collocazione dei singoli edifici analizzati in specifiche tipologie architettoniche. Gli esponenti di ogni tipologia saranno accomunati da aspetti morfologici, costruttivi, energetici e stato di degrado delle componenti.
 Ciò permetterà di valutare le componenti sulle quali intervenire e di elaborare soluzioni specifiche capaci di combinare incrementi sensibili delle prestazioni energetiche a concreti benefici estetici e formali.

Altri
articoli

BBA-Architetti & Partners s.r.l.