Restyling sostenibile delle facciate – Linee Guida

Data

In uscita in questi giorni la pubblicazione conclusiva della Ricerca quadriennale sviluppata nel campo del Restyling sostenibile delle periferie. Partendo dalla contestualizzazione sul territorio fiorentino, la stessa ha ampliato il proprio respiro fino alla scala europea, delineando esiti assimilabili a vere e proprie Linee Guida nel campo della riqualificazione delle periferie europee.

Lo studio è stato avallato da Partner Istituzionali quali il Comune di Firenze, Università degli Studi di Firenze – corso Magistrale in Design, Anci Toscana- Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, Ance Firenze –  Associazione Nazionale Costruttori Edili, Fondazione Angeli del Bello, Agenzia Fiorentina per l’Energia, Forum Energia onlus, firmatari di un Protocollo d’Intesa nel marzo 2011 e costantemente attivi anche nell’organizzazione di Convegni ad hoc.

Dal 2012, la Ricerca ha visto l’adesione di Aziende primarie nel settore dell’edilizia quali Partner Tecnologici dell’iniziativa: un contributo sensibile è stato fornito da Diasen S.r.l.Rockwool Italia S.p.A., Glip by S.I.L.E. e BBA-Architetti & Partners S.r.l.


Scritta dall’Arch. Duccio Brunelli e dall’Arch. Sabine Di Silvio, la ricerca, sviluppata in un’ottica scientifica, concretizza l’innovativo approccio al tema del Restyling degli edifici in chiave sostenibile.
Lo spunto è nato dal concreto problema delle periferie degradate, triste vetrina della città contemporanea., contraddistinta da involucri edilizi incapaci di rispondere alle attuali esigenze formali ed energetiche. Trattandosi di un investimento sensibile, le ripercussioni in chiave di costi di gestione, non sono sufficienti per un coinvolgimento massiccio del fruitore.

E’ da questa consapevolezza che è nata la ricerca, il cui core è incentrato sull’individuazione della prestazione formale, identificato come carattere percepibile da tutti.

Per rendere l’aspetto estetico-formale valutabile, è stato sviluppato un metodo basato su criteri oggettivi per la classificazione formale del patrimonio edilizio e per la definizione di strategie progettuali capaci di inglobare un miglioramento in termini di prestazione architettonica ed energetica.

Il metodo permette l‘individuazione di strategie d’intervento per aree vaste di città, riconducendo ad elementi chiave sia gli sforzi dell’Amministrazione Territoriale che quelli dei Professionisti: si identifica come uno strumento per la pianificazione delle strategie di intervento per la partecipazione attraverso la definizione di scenari urbani riqualificati. La ricerca annovera già gli esiti concreti: un bando sperimentale del Comune di Firenze prevede l’annullamento del canone di occupazione del suolo pubblico per fgli interventi sui fronti edilizi.

E’ previsto, per Aprile pv. un Convegno organizzato dal Partner Comune di Firenze nelle sue sedi, per la presentazione ufficiale degli esiti della ricerca.

Altri
articoli

BBA-Architetti & Partners s.r.l.